BIO

Nato nel dicembre 1979 a Dolo (Ve), sono mezzo veneziano e mezzo bolognese ma vivo a Roma da molti anni. Sono sposato con Caterina e papà di due figlie. Faccio l’avvocato, sono co-fondatore dello studio ICT Legal Consulting, scrivo per passione e per professione (sono saggista legale per Giuffrè ed RCS, e autore del pamphlet socio-politico Generazione Selfie per il Corriere della Sera), presiedo l’Istituto Italiano per la Privacy e la Valorizzazione dei Dati.

ATTIVITA’ PROFESSIONALI

 

Avvocato del foro di Roma, sono socio fondatore dello studio ICT Legal Consulting con sedi a Milano, Roma, Bologna, Amsterdam e studi corrispondenti in altri 19 Paesi (Australia, Austria, Belgio, Brasile, Cina, Francia, Germania, Grecia, Messico, Polonia, Portogallo, Regno Unito, Romania, Russia, Slovacchia, Spagna, Stati Uniti, Ungheria e Turchia).

Sono esperto di privacy/protezione dei dati personali (in campi avanzati come il marketing digitale e i social media, il native advertising, l’Internet of Things, le blockchain, i Big Data, il cloud computing, la cybersecurity, e in ambiti quali sanità, banche e assicurazioni, telecomunicazioni, non profit, moda, grande distribuzione e altri ancora), e in generale mi occupo di diritto delle nuove tecnologie e delle comunicazioni (permitting, aspetti regolatori), di proprietà intellettuale e di responsabilità amministrativa d’impresa nel settore ICT. Assisto aziende, associazioni ed enti in procedimenti amministrativi e giudiziali nelle materie sopra indicate.

Ricopro incarichi come organismo di vigilanza 231 per primarie realtà italiane e come ethics & privacy advisor per diversi progetti europei di ricerca Horizon 2020. Faccio parte del Comitato dei Saggi di ANORC e dell’International Core Team di DataEthicsEU. Sono membro del board del progetto europeo di ricerca H2020 “Privacy Flag”.

Dal 2008 sono presidente dell’Istituto Italiano per la Privacy e la Valorizzazione dei Dati, il principale centro studi privato italiano dedicato alle materie d’avanguardia della protezione delle informazioni personali, della riservatezza, della reputazione, del riuso dei dati e della trasparenza nell’era dell’ICT.

Ho scritto molto su temi di diritto dei dati e politiche dell’innovazione per riviste scientifiche (edite, tra gli altri, da Springer ed Elsevier) e quotidiani nazionali e internazionali (tra cui Il Corriere della Sera, Il Sole 24 Ore, Il Mondo, Affari Italiani, European Voice, The Wall Street Journal Europe) e partecipo regolarmente come relatore a convegni e trasmissioni sui temi del nuovo diritto e delle politiche dell’innovazione.

Ho scritto e curato con Diego Fulco il volume “Deontologia Privacy per avvocati e investigatori privati”, edito da Giuffrè nel 2009. Sono stato autore e curatore con Diego Fulco e Pietro Paganini del libro “Next Privacy, il futuro dei nostri dati nell’era digitale”, edito da RCS Etas nel 2010. Ho scritto il pamphlet socio-politico “Generazione Selfie”, uscito nell’autunno 2014 per il Corriere della Sera.

Sono autore con Enrico Pelino e Camilla Bistolfi del volume “Il Regolamento Privacy Europeo”, commentario completo al nuovo regolamento UE/2016/679 sulla protezione dei dati, pubblicato da Giuffrè in prima edizione a fine settembre 2016.

Ho tenuto in questi anni corsi come docente per l’Alma Graduate School dell’Università di Bologna, in materia di e-government, per la Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione, in materia di protezione dei dati personali nel settore sanitario, per lo IED in materia di privacy e social media, per il Master per la certificazione Privacy Officer TÜV in materia di data protection e casi complessi, e per diverse altre organizzazioni di training e alta formazione in Italia (AFGE, Paradigma, Optime et al.). Dal 2010 ad oggi sono stato incaricato dell’insegnamento di diritto della privacy all’Università di Teramo (Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali), e dal 2015 insegno business data law al Master in Big Data Management della LUISS Business School.


OLTRE IL LAVORO (per trasparenza e curiosità)

 

Dal 2000 al 2005 ho fatto il libraio, fondando una start-up (Gullivertown) che arrivò ad avere oltre 60.000 affezionati clienti-lettori. Nel 2007 fui ideatore e promotore della campagna “Coalizione Generazionale”, manifesto programmatico per l’innovazione e contro la gerontocrazia sottoscritto allora da 1000 giovani amministratori ed eletti di ogni schieramento: fu una battaglia per generare consapevolezza politica tra i nati dopo il 1970, non riuscimmo ad ottenere riforme ma qualcosa, da allora, è cambiato in meglio. Sono un “arenauta”, nel senso che faccio parte di RENA – Rete per l’Eccellenza nazionale. Sono stato tra i fondatori e portavoce di OUTSIDER, un “movimento-constituency” trasversale nato nell’agosto 2011 per favorire l’inclusione e la rappresentanza di quanti (giovani, donne, italiani all’estero e stranieri di seconda generazione in Italia) erano stati fino ad allora trascurati – e quindi immancabilmente penalizzati – nelle scelte politiche italiane. Nel 2012, con diversi colleghi, ho portato avanti una campagna per la valutazione trasparente dei curricula di chi intende ricoprire cariche nelle autorità indipendenti (diversi Deputati di vari schieramenti mi candidarono per il Garante Privacy come bandiera di trasparenza e valutazione dei cv, e dopo tanta insistenza le Presidenze di Camera e Senato accettarono di rendere pubblici on line i cv dei candidati prima dei voti di nomina). Nel 2014 sono stato tra gli ideatori, con Corrado Passera, di Italia Unica, movimento di cui sono stato responsabile nazionale del Programma sin dal principio: esperienza affascinante, soprattutto per la qualità e quantità di proposte originali e competenti che siamo riusciti ad offrire ad una politica in astinenza di idee.

LucaBolognini_IAB

bolognini_seduto

bolognini